Home » » »
Stampa pagina
Condividi
Rivolgiti all'U.R.P.
simbolo_cerca
Cerca
input_sx



simbolo_albo_camerale
Avviso Elenco fornitori
simbolo_calendario
Calendario news
Giugno 2018
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_calendario
Calendario eventi
Giugno 2018
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
spid
alternanza scuola lavoro
PID - Punto Impresa Digitale
Progetti Digitali
simbolo_sondaggi
Sondaggi

 

 
Cittadinanza economica - Resoconto road show Consob e Unioncamere
venerdì, 23 febbraio 2018

Il road show dedicato alla cittadinanza digitale

 

Alfabetizzazione finanziaria, questa sconosciuta

 

 

Gli studenti di oggi saranno gli investitori e gli imprenditori di domani. Investire in educazione finanziaria in ambito scolastico è un passo imprescindibile. Unioncamere e Consob fanno il punto a Bari. L'importante figura dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie

 

 

L'Italia, fra tra le economie del G7, è all'ultimo posto per alfabetizzazione finanziaria

Al pari della matematica, o delle lingue straniere, l’educazione finanziaria dovrebbe in maniera strutturale far parte di percorsi formativi scolastici. Anche le imprese, eccessivamente dipendenti dai prestiti bancari -  soggetti spesso a restrizioni in particolari momenti di difficoltà -  dovrebbero ricorrere a strumenti alternativi per il reperimento di capitali: minibond e cambiali finanziarie, opportunità legate all’introduzione dei PIR, strumenti di equity e venture capital, piattaforme per la raccolta di capitali, con particolare riferimento al crowdfunding e al peer-to-peer lending.

Si è parlato di questo oggi in Camera di Commercio nel road show “Insieme per la cittadinanza economica” organizzato da Unioncamere Nazionale e Consob, con la collaborazione del Consorzio Camerale per il credito e la finanza e l'Ordine Nazionale dei Dottori Commercialisti.

"Il tema del risparmio e dell'investimento è traversale al mondo delle imprese e dei cittadini, che sono protagonisti e destinatari delle attività e dei servizi delle Camere di Commercio - ha detto Angela Partipilo, segretario generale dell'ente camerale barese -. L’offerta di alfabetizzazione in campo finanziario sta crescendo ma resta frammentata. Gli studenti di oggi saranno gli investitori e gli imprenditori di domani. Investire in educazione finanziaria in ambito scolastico è un passo imprescindibile".

Non a caso, come ha evidenziato Luca Ricciardi, della direzione generale della Consob (Commissione Nazionale per la Società e la Borsa) il Governo ha costituito di recente il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, con il compito di programmare e promuovere iniziative di sensibilizzazione ed educazione finanziaria.

Anche l'Ordine Nazionale dei Commercialisti è impegnato da tempo in questo ambito, come ha sottolineato Vincenzo Tucci, presidente della Commissione Finanza Agevolata, attraverso una vera e propria strategia finanziaria: "siamo il front office di questa problematica. Il tema è la consapevolezza del rischio. Bisogna diffondere poche e chiare regole affinché i cittadini possano comprendere ciò che si muove nel mare magnum della finanza e del risparmio".

E dunque come può regolarsi chi non ha competenza specifica in materia e paventi la violazione degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza da parte degli intermediari, quando prestano servizi di investimento o il servizio di gestione collettiva del risparmio?

Può rivolgersi all’Arbitro per le Controversie, uno strumento di risoluzione delle controversie tra investitori "retail" e intermediari, che la Consob ha istituito nel 2016.

"Lo strumento - ha spiegato Giampaolo Eduardo Barbuzzi, presidente dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie - consente all’investitore di ottenere una decisione sulla controversia in tempi rapidi, entro 90 giorni, e senza obbligo di assistenza legale, nell'imparzialità e indipendenza di giudizio. Qualora l’investitore non sia soddisfatto della decisione, può comunque rivolgersi all’Autorità giudiziaria".

Nel 2017 sono pervenuti all’Acf 2010 ricorsi. Le richieste di risarcimento sfiorano i 100 milioni di euro, con una media di 55.000 euro circa a ricorso. L’Acf è competente per richieste di risarcimento che vanno da 1 euro fino a 500.000 euro.

370 le decisioni assunte. In oltre il 63% dei casi la decisione è stata favorevole in tutto o in parte ai ricorrenti.

"Le lamentele riguardano principalmente i servizi d’investimento, in particolare la consulenza, la ricezione e l’esecuzione ordini. Circa un terzo dei ricorsi pervenuti nel 2017 riguarda risparmiatori che hanno investito in azioni di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, collocate presso i rispettivi sportelli o quelli di banche loro controllate", ha concluso Barbuzzi.

Tra gli obiettivi dell’Acf c’è anche quello di definire, con le sue decisioni, orientamenti utili agli intermediari per la trattazione dei reclami dei clienti, fornendo in tal modo un contributo per migliorare le relative dinamiche relazionali e ridurre così i motivi di possibile contenzioso.


box_banner_sx
Cassetto digitale dell'imprenditore InfoCamere start-up innovativa Consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Banner incontrerete
box_banner_dx
Logo
C.so Cavour n. 2 - 70121 BARI | Tel. 080.2174111 (Centralino) | Fax 080.2174228
Mail: segretario.generale@ba.camcom.it | PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it
P.Iva: 02517930729 | C.F.: 80000350720
separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_orizzontale_down
Web Made in Italy
JCOM ITALIA: Web - Comunicazione - Marketing (Bari)