simbolo_cerca
Cerca
input_sx



simbolo_albo_camerale
Avviso Elenco fornitori
simbolo_calendario
Calendario news
Dicembre 2018
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_calendario
Calendario eventi
Dicembre 2018
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
spid
alternanza scuola lavoro
PID - Punto Impresa Digitale
Progetti Digitali
spid
simbolo_sondaggi
Sondaggi

 

 
Altri visti e certificati
lunedì, 27 febbraio 2017

Presso l'Ufficio Certificazione con l'Estero è possibile richiedere esclusivamente i seguenti visti:

 - VISTO PER DEPOSITO di documenti emessi da organismi o enti pubblici e/o ufficiali nazionali, unionali o internazionali (ASL, Istituti nazionali di certificazione, UE, ONU, ecc.).

 In caso di esercizio di pubblici poteri in convenzione da parte di società, imprese private o associazioni di imprese è necessario indicare i riferimenti della stessa convenzione nel documento che si deposita fornendo all'Ufficio copia della stessa oppure specificandone la tracciabilità, eventualmente anche attraverso internet.

 

 - VISTO PER CONFORMITA' DI FIRMA del titolare/legale rappresentante (previo deposito della stessa firma presso l'Ufficio) da apporre su documenti aziendali quali fatture, contratti (limitatamente alle firme depositate), dichiarazioni redatte dall'azienda su propria carta intestata riportanti listini, composizione dei prodotti, traduzioni, fatture di nolo, ecc. Non possono essere vistati documenti contenenti:

 - menzioni di esclusione o restrizione incompatibili con le Convenzioni internazionali e/o leggii nazionali (es.: ANTISRAELIANE, BLACK LIST, ecc.);

 - dichiarazioni sull'origine delle merci;

 - menzioni contrastanti con l'origine dichiarata nell'eventuale certificato di origine;

 - lettere di invito in Italia a favore di cittadini di paesi terzi.

 

(modello “visti estero.doc”)

 

IMPORTANTE: l'impresa è tenuta a produrre per la Camera di Commercio:

 - un originale aggiuntivo della documentazione per la quale richiede il visto;

 - fotocopia del documento di identità del firmatario della richiesta nel caso del visto per deposito;

 - traduzione in lingua italiana sottoscritta dal titolare/legale rappresentante nel caso in cui la firma da vistare sia apposta su un documento redatto in lingua straniera (con unica eccezione per la lingua inglese).

 

NOTA: Se richiesto dalle Autorità estere, è possibile effettuare la legalizzazione della firma del funzionario della Camera di Commercio (ex-UPICA) sui documenti per l'esportazione.

Costi:

 - Euro 3,00 a visto;

 - Euro 3,00 a legalizzazione.

Il pagamento dei diritti di segreteria va effettuato allo sportello dell'Ufficio Certificazione con l'Estero.


Compatibilmente con gli impegni d'ufficio, il rilascio dei visti è immediato se la richiesta, completa di documentazione, è consegnata entro le ore 11,30.

 



ALTRI DOCUMENTI PER L'ESTERO

 

 - EXPORTER REGISTRY FORM - TURCHIA

Per l'importazione di alcuni prodotti tessili in Turchia, gli esportatori hanno l'obbligo di accompagnare la merce con tale modulistica. Per informazioni e dettagli rivolgersi allo sportello.

 

 - ATTESTAZIONE DI LIBERA VENDITA PER L'ALGERIA

A decorrere dal 1 gennaio 2018 è entrata in vigore in Algeria una nuova normativa relativa alla domiciliazione bancaria, che fa riferimento alle misure sulla sicurezza dei prodotti ed impatta sull'importazione di merci estere assoggettate a domiciliazione bancaria. La nuova normativa algerina prevede che la richiesta di domiciliazione bancaria sia, tra l'altro, accompagnata da un certificato di libera circolazione del prodotto nel paese di origine o di provenienza, rilasciato dalle autorità competenti del paese esportatore, nel quale si attesta che la merce è liberamente commercializzata sul territorio e rispetta le normative sulla sicurezza e tutela dei consumatori. L'Ambasciata italiana in Algeria è già stata informata che le Camere di commercio italiane non sono competenti per la certificazione di conformità alle norme sulla sicurezza, che secondo la normativa europea sono assolte attraverso l'apposizione della marcatura CE sui prodotti o in alternativa certificate da appositi Organismi. Pertanto la Camera di Commercio di Bari, in linea con le altre CCIAA italiane, NON RILASCIA l'attestazione richiesta dal Ministero del commercio algerino.

In ambito Eurochambres, pur convenendo che l'oggetto dell'attestazione richiesta non rientra nella competenza delle Camere di Commercio (sia di diritto pubblico che privato), in considerazione della natura di organismo di coordinamento delle Camere di Commercio europee, ci si è impegnati nell'agevolare le imprese con la predisposizione di un documento, unico e condiviso tra tutte le Camere europee e le rispettive Ambasciate algerine nazionali, da emettere verso l'Algeria.


Per informazioni e dettagli rivolgersi allo sportello, preferibilmente via mail.

 

 

 

UFFICIO CERTIFICAZIONE CON L'ESTERO

Primo piano Palazzo Camerale in Corso Cavour n. 2 a Bari

Orari di apertura al pubblico della C.C.I.A.A.

luigi.dicarlo@ba.camcom.it,

fabio.iorio@ba.camcom.it

roberto.leo@ba.camcom.it

Tel. 080.2174371/356/255


box_banner_sx
InfoCamere start-up innovativa Cassetto digitale dell'imprenditore The niew review Marchi+
box_banner_dx
Logo
C.so Cavour n. 2 - 70121 BARI | Tel. 080.2174111 (Centralino) | Fax 080.2174228
Mail: segretario.generale@ba.camcom.it | PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it
P.Iva: 02517930729 | C.F.: 80000350720
separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_orizzontale_down
Web Made in Italy
JCOM ITALIA: Web - Comunicazione - Marketing (Bari)