simbolo_cerca
Cerca
input_sx



simbolo_newsletter
Newsletter
input_sx
Iscriviti per essere aggiornato sulle nostre news
simbolo_albo_camerale
Avviso Elenco fornitori
simbolo_calendario
Calendario news
Novembre 2017
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_calendario
Calendario eventi
Novembre 2017
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
spid
alternanza scuola lavoro
Progetti Digitali
simbolo_sondaggi
Sondaggi

 

 
CRONOTACHIGRAFI CEE
martedì, 24 novembre 2015

CRONOTACHIGRAFI CEE

I cronotachigrafi CEE sono apparecchi di controllo analogici destinati ad equipaggiare alcuni tipi di veicoli stradali. Indicano e registrano velocità, distanze e tempi di lavoro.

L'installazione e la riparazione di cronotachigrafi CEE possono essere eseguite esclusivamente dalle officine già autorizzate dal Ministero delle Attività Produttive.

Al rilascio dell'autorizzazione, il Ministero delle Attività Produttive ha assegnato un marchio, costituito dalla parola "MICA" e da un numero identificativo preceduto dalla sigla della provincia, con il quale l'officina deve contrassegnare i cronotachigrafi montati e/o riparati.

Con l’emanazione del Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 11/03/2005, le autorizzazioni per le operazioni di montaggio e riparazione dei Cronotachigrafi CEE (anologici) non sono più rilasciate.

 

TACHIGRAFO DIGITALE

Descrizione Generale

Il tachigrafo digitale serve per registrare i tempi di guida dei conducenti di camion, pullman ed autocarri e nasce dall’esigenza di sostituire il precedente apparato analogico, nel tempo risultato di facile contraffazione da parte degli utilizzatori, così da consentire la manomissione delle rilevazioni degli orari e per questo in grado di creare gravi distorsioni della libera concorrenza del mercato dell’autotrasporto (su 1 milione di veicoli controllati nel 2002, sono state riscontrate circa 70.000 frodi o tentativi di frode). Inoltre, problemi d’utilizzo ed affidabilità, specialmente nella lettura dei dati sui dischi utilizzati dal tachigrafo analogico hanno reso complessi anche i controlli da parte delle Autorità competenti.

 

Il cronotachigrafo digitale è formato da due elementi fondamentali per il suo utilizzo:

1) un’unità veicolo: è un apparecchio simile ad un’autoradio o ad un lettore cd, che comprende due lettori smart-card, un selettore d’entrata manuale, uno schermo per la visualizzazione dei dati e una piccola stampante;

2) una smart-card.

 

Il controllo dei dati
Collegato in maniera sicura ai sensori del veicolo, il cronotachigrafo digitale registra nella sua memoria i dati relativi all’uso del veicolo per il periodo di un anno. In particolare, vengono rilevati: l’identità del o dei conducenti, i tempi di guida e di riposo, le modalità di guida (singolarmente o in équipe).

 

Le altre funzioni
L’apparecchio registra inoltre:

• i dati identificativi del veicolo (a vita);

• la distanza percorsa;

• le anomalie di funzionamento ed i guasti (per un anno);

• la velocità tenuta nelle ultime 24 ore di utilizzo del veicolo.

 

Le smart-cards
Ogni tipo di carta tachigrafica ha una propria funzione ed un utilizzo specifico a seconda che appartenga al conducente, all’impresa, alle autorità di controllo o all’officina.

 

Le competenze delle Camere di Commercio

In Italia le competenze relative all’implementazione del cronotachigrafo digitale sono state definite dal DM 361 del 31/10/2003, emanato dal Ministero Attività Produttive, di concerto con il Ministero dell’Interno, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Il citato decreto ha attribuito alle Camere di Commercio specifiche competenze in tale ambito, individuandole quali:

I -  Autorità per il rilascio delle carte tachigrafiche.

   Ha conferito, inoltre, poteri di accertamento per

II - la verifica della conformità degli apparecchi di controllo e delle carte tachigrafiche ai rispettivi modelli omologati;

III - la verifica della rispondenza delle apparecchiature delle officine e dei montatori autorizzati e la regolarità delle loro attività in sede di montaggio, riparazione, verifica e controllo.

Da tali poteri di accertamento deriva, inoltre, la competenza attribuita alle Camere di Commercio con DM 10 agosto 2007 dell’attività istruttoria preventiva per il rilascio dell’autorizzazione ai centri tecnici da parte del Ministero Sviluppo Economico e del rinnovo annuale di tale autorizzazione, previa verifica della permanenza dei requisiti previsti dal medesimo decreto.

IV  La formazione per i Centri tecnici che dovranno abilitarsi per operare sul Tachigrafo Digitale.

 

Il ruolo di Autorità di rilascio delle carte tachigrafiche dà luogo alle seguenti fasi di attività, gestite in parte dalle Camere ed in parte da un centro operativo di Infocamere:

 

ACCETTAZIONE ISTANZA
l’istanza per l’ottenimento della carta tachigrafica viene presentata dai richiedenti presso la Camera di Commercio competente per territorio;

ISTRUTTORIA
l’istanza viene esaminata e sottoposta a tutti i controlli previsti dai regolamenti e dalla normativa. I dati dei richiedenti sono immessi nell’applicazione informatica di rilascio delle carte, ove richiesto anche con l’acquisizione a mezzo scanner della foto e la firma del titolare;

PRODUZIONE CARTA
I dati immessi sono automaticamente rilevati da un centro operativo di Infocamere, che provvede alla produzione fisica della carta, alla personalizzazione ed alla stampa;

SPEDIZIONE
la carta viene consegnata al soggetto che ha presentato l’istanza in una delle seguenti modalità a scelta del richiedente: ritiro allo sportello camerale, inoltro - direttamente a cura del centro operativo di Infocamere - all’indirizzo di residenza o ad altro indirizzo menzionato nell’istanza.

 

Le officine autorizzate

Il sistema del nuovo tachigrafo digitale si fonda su specifiche norme di sicurezza, che mirano ad assicurare l’impossibilità della manipolazione dell’apparato digitale allo scopo di garantire la correttezza dei dati sulla velocità ed i tempi di guida, il cui rispetto è considerato determinante per la sicurezza stradale. In tale contesto assume estrema rilevanza la serietà e la capacità tecnica e professionale delle officine abilitate al montaggio ed alla manutenzione del tachigrafo digitale. Al riguardo la normativa europea e le conseguenti disposizioni nazionali hanno stabilito i requisiti necessari delle officine e dei montatori che possono operare con il nuovo apparato ed hanno individuato i criteri per l’autorizzazione dei centri tecnici.

In Italia l’autorizzazione è rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico e le domande sono presentate alle Camere di Commercio, che predispongono l’istruttoria per l’inoltro al Mi.S.E.-Roma.

 

Le carte tachigrafiche

La carta tachigrafica è il dispositivo che consente l’utilizzo dell’unità veicolare (tachigrafo) nelle sue diverse funzioni. Permette, innanzitutto, di identificare il soggetto che opera con il tachigrafo, sia esso un conducente, un’autorità di controllo, un’officina di manutenzione o un’azienda proprietaria del veicolo. Essa stessa contiene un sistema di conservazione di dati, relativamente alle operazioni che vengono svolte con il tachigrafo digitale. Esistono quattro diversi tipi di carta, ognuna con una diversa funzione in relazione al soggetto che la deve utilizzare. Le carte sono rilasciate dalle Camere di commercio, individuate dalla normativa nazionale, quali Autorità di rilascio in Italia (DM 361 del 31 ottobre 2003).

Le carte italiane sono state oggetto di omologazione da parte del Mi.S.E. ROMA .

 

 

 

La Carta Conducente

 

Cittadini Comunitari (STATI MEMBRI)


La carta è personale ed è necessaria per la guida degli autoveicoli previsti dal Regolamento 561/06. E’ di fondo bianco e deve essere inserita dall’autista del veicolo prima di iniziare la guida. Permette di registrare i seguenti dati: tempi di viaggio/sosta, velocità, distanza, eventi particolari.

È rilasciata, entro 15 giorni lavorativi dalla data di presentazione della domanda, dalla Camera di Commercio, in cui il richiedente ha la propria residenza.
Il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

 

  • titolarità di una patente di guida valida e di categoria appropriata al mezzo da condurre;
  • non essere titolare di altra carta tachigrafica conducente;
  • residenza nello stato italiano.

La carta ha una capacità di memoria che consente di conservare i dati relativi alla guida del conducente per un periodo pari a 28 giorni. La sua validità amministrativa è di cinque anni. Per ottenerne il rinnovo il titolare deve inoltrare la domanda di rinnovo alla Camera competente, almeno 15 giorni lavorativi precedenti la scadenza della carta originaria. In caso di furto, smarrimento o ritiro della carta il conducente deve presentare la richiesta di una carta sostitutiva al massimo entro 7 giorni di calendario ed il tempo massimo in cui il conducente può guidare sprovvisto è di 15 giorni di calendario, mentre in tali casi la Camera di commercio ha un termine di 5 giorni lavorativi, dal momento in cui riceve la richiesta, per emettere una carta sostitutiva.

 

Il costo della carta conducente (un diritto di segreteria fissato da decreto ministeriale) con ritiro allo sportello camerale è di € 37,00  da pagarsi tramite versamento su c/c postale n. 67772970 intestato alla C.C.I.A.A. di Bari – causale “Diritti di segreteria carta tachigrafica”.  Una maggiorazione di € 3,17 si applica nel caso di richiesta di spedizione a domicilio della carta a mezzo del servizio postale. Il modello è scaricabile nella sezione “Modulistica”.

 

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA:

  1. Fotocopia carta d’identità, in corso di validità;
  2. Fotocopia della Patente di Guida, in corso di validità (superiore alla categoria B);
  3. N° 1  Foto Tessera (da incollare nell’apposito riquadro),obbligatoria solo in caso di 1° emissione.
  4. Attestazione di pagamento del C.C. Postale dei diritti di segreteria, in originale.

 

La richiesta può essere presentata dall’interessato o da un suo delegato.

Il modello di delega è scaricabile dalla sezione “Modulistica”.

 

 

Cittadini “Extracomunitari”

 La carta conducente può essere rilasciata anche a cittadini extracomunitari che dimorano in ITALIA per motivi Professionali (Settore Trasporti su Gomma).

 

Per ottenere la carta conducente i cittadini extracomunitari devono presentare il modello scaricabile dalla sezione  ”Modulistica”, allegando la seguente documentazione:

 

  1. documento da cui si evinca la residenza in Italia da almeno 6 mesi;
  2. copia della patente di guida;
  3. copia del documento d’identità;
  4. copia del codice fiscale;
  5. copia del permesso di soggiorno per motivi di lavoro;
  6. dichiarazione sostitutiva a cura del Datore di Lavoro, corredata con la fotocopia del suo documento d’identità, nella quale si dichiariCHE IL SOGGETTO E’ IMPIEGATO ESCLUSIVAMENTE PER ATTIVITA’ DI TRASPORTO SU TERRITORIO NAZIONALE” (ITALIA)”;
  1. Copia contratto di lavoro, oppure dichiarazione sostitutiva del datore di lavoro “dell’effettiva sussistenza del rapporto di lavoro”, corredata con la fotocopia del suo documento d’identità
  2. “ATTESTATO DEL CONDUCENTE” (di proprietà dell’autotrasportatore), da esibire solo per chi effettua trasporti merci internazionali, intestato al conducente, qualora sia impiegato nell’esercizio del Trasporto Internazionale. Regolamento CE n° 1072/2009-21/10/2009, art. 5 (G.U. U.E.  del 14/11/2009).

 

I costi e le modalità per il rilascio della carta conducente sono gli stessi di quelli riportati nella sezione dei cittadini comunitari.

 

I cittadini extracomunitari, per rinnovare la carta conducente, devono ripresentare la  stessa documentazione prevista per la 1° emissione.

   

La carta dell’Azienda

E’ di fondo giallo, identifica la Società proprietaria dei mezzi, facilita la gestione della flotta veicolare e consente di ispezionare, scaricare e/o stampare i dati di viaggio di tutti i veicoli dell’azienda muniti di tachigrafo digitale.
Tali funzioni semplificano le modalità di archiviazione dei dati e agevolano la gestione ed il controllo dei tempi di attività degli autisti. La carta è rilasciata dalla Camera di Commercio, ove l’azienda ha la propria sede legale, dietro presentazione della domanda firmata dal legale rappresentante.
La carta riporta stampati la denominazione e l’indirizzo dell’impresa.
Il rilascio avviene entro 15 giorni lavorativi dal momento della ricezione della domanda e la sua validità amministrativa è di cinque anni. Alla scadenza il rinnovo avviene su nuova istanza dell’azienda da presentare alla Camera di commercio competente. In caso di furto, smarrimento o malfunzionamento, la carta viene sostituita, su richiesta dell’azienda, e rilasciata entro 5 giorni lavorativi dalla data della domanda.

Il costo della carta Azienda (un diritto di segreteria fissato da decreto ministeriale) con ritiro allo sportello camerale è di € 37,00 da pagarsi tramite versamento su c/c postale n. 67772970 intestato alla C.C.I.A.A. di Bari – causale “Diritti di segreteria carta tachigrafica”. Una maggiorazione di € 3,17 si applica nel caso di richiesta di spedizione a domicilio della carta a mezzo del servizio postale. Il modello è scaricabile nella sezione “Modulistica”.

 

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA:

  1. Fotocopia del documento d’identità del titolare dell’Azienda o del Legale Rappresentante, in corso di validità;
  2. Dichiarazione Sostitutiva, da parte del titolare dell’Azienda o del Legale Rappresentante, di possesso di almeno un veicolo equipaggiato con Tachigrafo Digitale.
  3. Attestazione di pagamento del C.C. Postale dei diritti di segreteria, in originale.

 

La richiesta può essere presentata dall’interessato o da un suo delegato.

Il modello di delega è scaricabile dalla sezione “Modulistica”.

 

La carta dell’Officina
Viene utilizzata per la calibratura e la programmazione del tachigrafo, identifica un‘officina autorizzata dall‘autorità nazionale come competente per l‘attivazione, la calibratura e lo scarico dati.
La carta dell’Officina permette, infatti, di rilevare i dati immessi nel tachigrafo e di scaricarli ed è l’unica che consente di modificare il funzionamento dell’apparato. È rilasciata dalla Camera di Commercio, in cui l’officina richiedente ha la propria sede entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione della domanda; unitamente alla carta viene rilasciato al richiedente un codice di accesso (PIN) con modalità che consentono di mantenerne la riservatezza.

 L’Officina può richiedere più carte, ognuna da attribuire ad un tecnico specializzato, che potrà operare soltanto se in possesso di uno specifico attestato di formazione, rilasciato dall’azienda produttrice del tachigrafo.

 
La carta dell’officina, in ragione della delicatezza della sua funzione, ha una validità amministrativa di un anno ed è  rinnovabile a scadenza, soltanto dietro richiesta dell’officina alla Camera ed a condizione che siano rimasti i requisiti previsti per l’autorizzazione e che l’autorizzazione non sia stata revocata.
In caso di furto, smarrimento o difetto di funzionamento della carta, l’officina ne può chiedere la sostituzione alla Camera emittente e la carta sostitutiva avrà la medesima scadenza della carta originaria, salvo che la validità residua non sia inferiore a tre mesi, nel qual caso sarà attribuita la validità per un altro anno. La Camera di commercio ha un termine di 5 giorni lavorativi, dal momento in cui riceve la richiesta, per emettere una carta sostitutiva.

 

Il costo della carta officina(un diritto di segreteria fissato da decreto ministeriale) con ritiro allo sportello camerale è di € 37,00 da pagarsi tramite versamento su c/c postale n. 67772970 intestato alla C.C.I.A.A. di Bari – causale “Diritti di segreteria carta tachigrafica”. Una maggiorazione di € 6,34 si applica nel caso di richiesta di spedizione a domicilio della carta e del P.I.N. (codice d’accesso) a mezzo del servizio postale (carta  e  P.I.N. vengono spediti separatamente).

 

ATTENZIONE!

IL MODULO DI RICHIESTA DELLA CARTA OFFICINA, DEVE ESSERE PRESENTATA CON MARCA DA BOLLO DA € 16,00.

 

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA:

  1. Fotocopia documento identità in corso di validità,Titolare o Legale rappresentante del Centro tecnico (Officina);
  2. Fotocopia documento identità in corso di validità, del Responsabile Tecnico;
  3. Attestazione di pagamento del C.C. Postale dei diritti di segreteria, in originale.

 

 

La carta dell’Autorità di controllo(P.S. - C.C. - G.di F. - P.M.)
La carta è di fondo azzurro, consente di esercitare il controllo rispetto a tempi di guida e velocità sia attraverso l’ispezione delle informazioni registrate sul cronotachigrafo, sia attraverso la loro stampa e lo scarico eventuale su altri supporti informatici. Permette, infatti, l’ispezione dei dati della carta del conducente archiviati negli ultimi otto giorni e della memoria del tachigrafo, nonché l’ispezione dei dati archiviati dall’Impresa nell’ultimo anno. Consente la conservazione di almeno 230 file di controllo, tenendo traccia dei dati delle attività di controllo (data, ora e tipo di controllo). La carta è rilasciata dalle Camere di Commercio esclusivamente alle Autorità di controllo deputate ai controlli tecnico-amministrativi in materia di sicurezza sul lavoro e sul trasporto stradale, o alle autorità di polizia addette ai controlli su strada, su richiesta delle medesime Autorità. La carta riporta l’indicazione e l’indirizzo delle suddette Autorità di controllo, ma rimane anonima.

Il costo della carta di controllo è stabilito a mezzo di apposita Convenzione tra il sistema Camerale e le Amministrazioni di controllo.

 

 

 

 

 

La modulistica

Secondo quanto previsto all'art. 3, comma 3 del DM 23 giugno 2005, il Ministero delle Attività Produttive, con decreto del 3 agosto 2005 del Direttore Generale della Direzione Generale per l'armonizzazione del mercato e la tutela dei consumatori, ha approvato i seguenti modelli per la domanda di rilascio delle carte tachigrafiche:

Si precisa che, ai fini delle responsabilità connesse alla richiesta ed all'utilizzo della carta fanno fede le "Condizioni generali di rilascio e di utilizzo" riportate nei moduli - distribuiti dalle Camere di Commercio - i cui testi sono stati depositati presso il Ministero delle Attività Produttive e dallo stesso approvati.

Qualsiasi difformità riscontrata su moduli presentati in forma e contenuti diversi da quelli approvati e distribuiti dalle Camere non potrà limitare in alcun caso la responsabilità del dichiarante/richiedente, rispetto a quanto previsto dai formulari ufficiali.

Ai fini della presentazione delle domande, devono essere utilizzati i formulari scaricabili dalla presente Sezione.

 

Ulteriori modelli scaricabili per allegare alla richiesta di carta tachigrafa:

 

-DELEGA PER CARTE DEL CONDUCENTE;

-DELEGA PER CARTA AZIENDALE;

-DICHIARAZIONE DI POSSESSO VEICOLO CON TACHIGRAFO DIGITALE PER CARTA AZIENDALE;

-DICHIARAZIONE DI RESTITUZIONE CARTA TACHIGRAFICA AZIENDA E/O CONDUCENTE IN SCADENZA (SOLO PER RINNOVO);

-Dichiarazione atto notorio per carta tachigrafica Rubata o smarrita

 

 

 

 

AVVISO!

I DIRITTI DI SEGRETERIA DEVONO ESSERE PAGATI CON VERSAMENTO SU C/C POSTALE N°67772970 INTESTATO A C.C.I.A.A. BARI “ - CON CAUSALE “DIRITTTI DI SEGRETERIA CARTA TACHIGRAFICA”.

L’ORIGINALE DEL VERSAMENTO (Attestazione) DEVE ESSERE ALLEGATO ALLA DOMANDA DI RILASCIO.

 

 

 

 

Riferimenti:

Rilascio Carte tachigrafiche: sportello n. 9 presso il Palazzo Camerale in Corso Cavour n. 2 - Bari

Tel. 080 2174403

e-mail: metrico@ba.camcom.it 


box_banner_sx
Verifiche PA InfoCamere Cassetto digitale dell'imprenditore Banner Starnet Worldpass
box_banner_dx
Logo
C.so Cavour n. 2 - 70121 BARI | Tel. 080.2174111 (Centralino) | Fax 080.2174228
Mail: segretario.generale@ba.camcom.it | PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it
P.Iva: 02517930729 | C.F.: 80000350720
separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_orizzontale_down
Web Made in Italy
JCOM ITALIA: Web - Comunicazione - Marketing (Bari)