simbolo_cerca
Cerca
input_sx



simbolo_newsletter
Newsletter
input_sx
Iscriviti per essere aggiornato sulle nostre news
simbolo_albo_camerale
Avviso Elenco fornitori
simbolo_calendario
Calendario news
Dicembre 2014
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_calendario
Calendario eventi
Dicembre 2014
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_scadenziario
Scadenziario
simbolo_sondaggi
Sondaggi

 

 
Spedizionieri
giovedì, 13 dicembre 2012

contatti

normativa di riferimento






Lo  spedizioniere
  è  colui  che, in  forma  organizzata e  continuativa, fa  da  intermediario   tra   il committente - colui che deve far trasportare qualcosa via terra, via mare o via aria - e il vettore- colui che effettua il trasporto avvalendosi di  mezzi propri -. Lo spedizioniere deve occuparsi di tutti gli interventi necessari alla spedizione per conto del committente sulla base di un contratto stipulato con questo ultimo ed in cambio ha diritto ad un corrispettivo .



REQUISITI

 I requisiti devono essere posseduti dal Titolare quando l’attività di spedizioniere viene esercitata in forma di  Impresa Individuale; i requisiti devono essere posseduti da tutti i legali rappresentanti se invece l’attività viene svolta in forma di Società.

I requisiti devono inoltre essere dichiarati anche da tutti coloro che svolgono l’attività per conto dell’impresa, come i preposti, procuratori, dipendenti.

Inoltre devono dichiarare il possesso dei requisiti morali tutti i soggetti individuati dall’art. 2 comma 3 del DPR 252/1998 e dall’art. 7 della legge 1442/1941 “tutti gli amministratori di società di capitali, tutti i soci di società di persone - escluso gli accomandanti -, tutti gli amministratori di consorzi e delle relative imprese consorziate.

 

  • Non può esercitare l’attività di spedizioniere colui che ha subito condanne per delitti contro l’Amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l’industria ed il commercio, il patrimonio, nonché condanne per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni o, nel massimo, a cinque anni, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione.
  • Il richiedente deve essere in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti professionali:

      aver conseguito un diploma di istruzione secondaria di secondo  grado  in   materie commerciali

oppure

      aver conseguito un diploma universitario o di laurea in materie giuridico-economiche

oppure

      aver svolto un periodo di esperienza professionale qualificata nello specifico campo di attività di   almeno due anni anche non continuativi nel corso dei cinque anni antecedenti alla data di presentazione della dichiarazione di cui  al comma 2, all’interno di imprese del settore, comprovato da idonea documentazione.

  • In caso di società, associazioni od organismi collettivi i requisiti di cui al comma 1 devono essere posseduti dal legale rappresentante, da altra persona preposta all’attività commerciale e da tutti i soggetti individuati, dall’art. 2, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n. 252.

CAPACITA’ FINANZIARIA

 Il soggetto  deve essere in possesso dei requisiti di  adeguata capacità finanziaria , comprovati dal limite di  € 100.000/00, nel  caso di una Società per azioni, di Società a responsabilità limitata, di Società in accomandita semplice, di  Società in nome collettivo, occorre accertare, attraverso l’esame dell’atto costitutivo e delle eventuali modificazioni, l’ammontare del capitale sociale e qualora sia inferiore ai 100.000,00 euro, richiedere prestazioni integrative fino alla concorrenza del limite di cui sopra, che possono consistere in fideiussione rilasciate da compagnie di assicurazione o da aziende di credito.

Per le ditte individuali e le società cooperative l’adeguata capacità finanziaria è comprovata o dal possesso di immobili o da un deposito vincolato in denaro o titoli, nonché mediante le suddette garanzie fidejussorie e in ogni caso, per l’importo globale non inferiore alla cifra più volte richiamata.

L’impresa deve inoltre dichiarare di essere in possesso, oppure di avere fatto richiesta al Comune, della Licenza di cui al Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza.

CAUZIONE

Per l’esercizio dell’attività di spedizioniere, occorre altresì la prestazione di una cauzione a favore della Camera di Commercio di Bari, dell’importo di €258,23 intitoli di Stato o garantiti dallo Stato  oppure  in denaro o ancora in  titoli al portatore; in questi ultimi due casi il deposito deve essere effettuato presso la Cassa depositi e prestiti  della Tesoreria Provinciale dello Stato - di Bari.

La cauzione può essere prestata anche mediante fideiussione da parte di un Istituto di credito, o mediante ipoteca di primo grado sui beni immobili.

In caso di cessazione dell’attività l’impresa richiede all’ufficio del Registro Imprese la liberazione della cauzione compilando il riquadro “svincolo della cauzione” del modello SPEDIZIONIERI sezione MODIFICHE da inviare telepaticamente a mezzo COMUNICA.

La cessazione dell’attività e la liberazione della cauzione sono certificate nelle notizie REA relative alla posizione dell’impresa a cura del Conservatore del Registro delle Imprese.

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

  • inibizione alla continuazione dell’esercizio dell’attività;
  • censura;
  • sospensione dell’esercizio dell’attività per un periodo non superiore a sei mesi;
  • inibizione perpetua all’esercizio dell’attività.

Le imprese che incorrono più di tre volte nel provvedimento di censura e che siano risultati colpevoli di fatti più gravi tali da cagionare discredito alla categoria e da danneggiare l’attività, sia nei rapporti fra spedizionieri che fra questi e gli utenti, sono soggette al pagamento di una sanzione pecuniaria.

Coloro che intraprendono l’attività di spedizioniere in mancanza dei requisiti previsti dalla normativa sono soggetti alle pene previste dall’art. 348 c.p.

SANZIONI  REA 

Le modifiche/cessazioni inerenti l’attività o il personale ad essa adibito, presentate con modello SPEDIZIONIERI sezione MODIFICHE, dopo 30 giorni dal verificarsi dell’evento sono soggetti a sanzione REA.

RICORSI

Avverso i provvedimenti inibitori di avvio o di prosecuzione dell’attività  di spedizioniere è ammesso ricorso gerarchico al Ministero dello Sviluppo Economico.

Sono inoltre esperibili gli ordinari ricorsi giurisdizionali presso il TAR competente per territorio e il ricorso al Capo dello Stato.

IMPRESE   ESTERE

Le imprese che hanno la sede in uno Stato membro nell’Unione Europea e che sono abilitate allo svolgimento dell’attività nel proprio paese, possono iniziare l’attività in Italia iscrivendosi nel Registro delle Imprese e nel Rea nel rispetto della disciplina comunitaria (diritto di stabilimento).

La prestazione temporanea e occasionale dell’attività è consentita alle imprese stabilite in uno Stato membro dell’Unione Europea che sono abilitate in base alle leggi del proprio Paese a svolgere l’attività se non aventi una sede o unità locale in Italia; nei 30 giorni antecedenti l’impresa comunitaria deve presentare una dichiarazione al Ministero dello Sviluppo Economico (libera prestazione di servizi).

Le imprese aventi sede nell’Unione Europea che esercitano l’attività di spedizioniere in diritto di stabilimento o in libera prestazione di servizi devono avere l’adeguata capacità finanziaria e prestare la cauzione previste dalla normativa.

VERIFICA DELLA PERMANENZA DEI REQUISITI

Il Registro delle Imprese verifica, almeno una  volta ogni quattro anni dalla presentazione della Scia, la permanenza dei requisiti di tutti coloro che consentono all’impresa lo svolgimento dell’attività di Spedizioniere, nonché dei preposti.

Qualora sia verificata la perdita di un requisito di legge viene avviato, secondo i casi, il procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività nonché eventuali procedimenti disciplinari o accertamenti di violazioni amministrative.

AVVERTENZE GENERALI

A decorrere dal 12 maggio 2012, sono entrati in vigore i decreti dello Sviluppo Economico del 26 ottobre 2011 che prevedono nuove modalità d’iscrizione al Registro delle Imprese e al REA degli Spedizionieri, nonché la definitiva soppressione dell’Elenco Interprovinciale degli Spedizionieri.

I medesimi decreti disciplinano le nuove procedure di iscrizione nel Registro delle Imprese e nel REA dell’attività di Spedizioniere ed inoltre, durante un periodo transitorio di durata annuale ( fino al 12 maggio 2013), regoleranno il passaggio dei dati al Registro delle Imprese della Camera di Commercio della provincia della sede principale; dopo tale data alle imprese inadempienti verrà iniziato il procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività.

Una volta ricevuta la comunicazione l’ufficio del Registro delle Imprese richiederà alla Camera di  Commercio che deteneva l’Elenco Interprovinciale degli Spedizionieri il trasferimento della posizione corredato dell’intero fascicolo.

Dal 12 maggio 2012 l’inizio dell’attività di Spedizioniere deve essere dichiarata all’Ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio della provincia dove viene esercitata l’attività utilizzando l’apposita modulistica ( Segnalazione Certificata di Inizio Attività – SCIA) da inviare telematicamente  insieme alla Comunicazione Unica. L’attività è legittimamente esercitata dalla data di presentazione della SCIA.

Nella sezione REQUISITI del modello SCIA dovranno essere dichiarati ai sensi degli artt. 46,47,76 del T.U. 445/2000 - autocertificazione e/o dichiarazione sostitutiva di atto notorio - i requisiti richiesti per lo svolgimento dell’attività.

L’impresa che esercita in più sedi  o  unità locali presenta una SCIA per ciascuna di esse al momento della dichiarazione di inizio attività al REA.

Inoltre, presso ogni sede o unità locale in cui si svolge l’attività deve essere nominato almeno un preposto, che può essere nominato anche per unità locali, in possesso dei requisiti di idoneità allo svolgimento dell’attività; tale preposto deve essere immedesimato nell’impresa attraverso un Atto di Procura institoria, depositata al Registro delle Imprese.

In particolare segnaliamo quanto segue:

Soggetti legittimati a presentare la SCIA.

(il modello deve essere presentato per via telematica al Registro delle Imprese competente in base al luogo di esercizio dell’attività, utilizzando la procedura della Comunicazione Unica).

  • Il titolare di Impresa Individuale e tutti i Legali Rappresentanti di società che iniziano l’attività di Spedizioniere devono presentare la SCIA sottoscritta digitalmente – dal titolare dell’impresa individuale o da un amministratore della società- all’ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio della provincia dove esercitano l’attività utilizzando la procedura telematica della Comunicazione Unica;
  • I preposti e tutti coloro che svolgono l’attività per conto dell’impresa devono compilarela sezione REQUISITI.

Periodo transitorio  dal 12.05.2012 al 12.05.2013

Tutte le imprese attive e iscritte nell’Elenco Interprovinciale degli Spedizionieri fino al 11/05/2012 devono compilare il modello Spedizionieri sezione AGGIORNAMENTO POSIZIONE RI/REA per

ciascuna sede o unità locale dove viene svolta l’attività ed inviarlo telepaticamente al Registro delle Imprese della Camera di Commercio della provincia della sede principale entro il 12/05/2013; dopo tale data alle imprese inadempienti verrà  iniziato il procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività.

Una volta ricevuta la comunicazione l’ufficio del Registro delle Imprese richiede alla Camera di Commercio che deteneva l’Elenco Interprovinciale degli Spedizionieri il trasferimento della posizione corredato dall’intero fascicolo.

Modifiche e/o Cessazioni

Compilazione della modulistica RI/REA con allegato il modello SPEDIZIONIERI alla sezione MODIFICHE   in caso  variazione  delle    persone  che    partecipano  a  qualcosa  titolo  all’attività

dell’impresa (amministratori, soci partecipanti di società di persone e società di capitali, dipendenti, collaboratori), per le quali deve essere compilatala sezione REQUISITI  se trattasi di nuova nomina.

Inoltre la SCIA è invece richiesta per ogni tipo di variazione dell’attività da parte dell’impresa unitamente ai moduli RI/REA  -  apertura di unità locale con attività di spedizioniere, si vedano le istruzioni dell’inizio attività e le avvertenze generali).

I soggetti legittimati  alla presentazione delle modifiche e/o cessazione sono quelli indicati nell’apposito paragrafo “soggetti legittimati”.

Le modifiche e le cessazioni devono essere notificate al Registro Imprese entro 30 giorni dal verificarsi dell’evento.

Contestualmente alla denuncia di cessazione dell’attività l’impresa richiede al Registro delle Imprese la liberazione della cauzione compilando il riquadro “svincolo della cauzione” della sezione MODIFICHE del modello Spedizionieri.
box_banner_sx
Forum Legalità X Settimana della Conciliazione Banner Basilea2 Worldpass
box_banner_dx
Porno izle - porno - porno izle
Logo
C.so Cavour n. 2 - 70121 BARI | Tel. 080.2174111 (Centralino) | Fax 080.2174228
Mail: segretario.generale@ba.camcom.it | PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it
P.Iva: 02517930729 | C.F.: 80000350720
separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_orizzontale_down
Web Made in Italy
JCOM ITALIA: Web - Comunicazione - Marketing (Bari)
Ankara escort İzmit escort Gaziantep escort Kuşadası escort İstanbul escort ankara escort Escort bayan Ankara Rus Escort Ankara escort İstanbul escort