simbolo_cerca
Cerca
input_sx



simbolo_newsletter
Newsletter
input_sx
Iscriviti per essere aggiornato sulle nostre news
simbolo_albo_camerale
Avviso Elenco fornitori
simbolo_calendario
Calendario news
Novembre 2017
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
simbolo_calendario
Calendario eventi
Novembre 2017
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
indicatore_sx Mese corrente indicatore_dx
spid
alternanza scuola lavoro
Progetti Digitali
simbolo_sondaggi
Sondaggi

 

 
EXCELSIOR | Sistema informativo per l’occupazione e la formazione
giovedì, 24 dicembre 2015

Le previsioni del sistema informativo Excelsior realizzato da Ministero del Lavoro e Unioncamere

Lavoro: 3.750 nuovi contratti entro fine anno dalle imprese

Ambrosi: segnali forti e incoraggianti per l'imminente ripresa anche a Bari e Bat

 

Lavoro: il clima è cambiato. Nell'ultimo trimestre del 2015, nel territorio delle province di Bari e Barletta, Andria e Trani, i nuovi contratti saranno infatti 3.750: l'11% in più rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Questo andamento tendenziale positivo è il risultato di un aumento del 5% delle assunzioni direttamente effettuate dalle imprese e di un incremento del 39% dei contratti atipici. Sono numeri importanti quelli registrati dal Progetto Excelsior, il sistema informativo sull'occupazione e la domanda di lavoro da parte delle imprese realizzato, nell'ambito del Fondo sociale europeo, da Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Unione delle Camere di Commercio Italiane con la collaborazione operativa dei singoli Enti camerali tra cui quello barese. “Certo non siamo ancora ad un punto di svolta in termini assoluti - commenta il Presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi - ma i segnali di una ripartenza imminente sono forti e incoraggianti”.

In termini assoluti, nel trimestre in corso, le assunzioni effettuate direttamente dalle imprese nelle province di Bari e Barletta, Andria e Trani saranno pari a 2.870 unità (76% dei contratti totali), mentre i contratti atipici (contratti in somministrazione, incarichi a professionisti con partita IVA e collaborazioni) dovrebbero attestarsi a circa 880 unità (24%). Per Ambrosi “questi numeri sono la riprova che il sistema è vivo e reattivo anche a dispetto dei Soloni dello zerovirgola”. Le imprese, secondo Ambrosi, stanno facendo la loro parte senza se e senza ma: gli stessi lavoratori, abbandonata la rassegnazione di una volta, si dimostrano più maturi e consapevoli delle opportunità offerte dalle nuove politiche occupazionali”.

La tendenza positiva del 2015 investe d'altronde tutte le imprese italiane. Le previsioni Excelsior su base nazionale pronosticano, infatti, la stipula, tra ottobre e dicembre, di oltre 191.000 nuovi contratti di lavoro tra modalità “dipendente” e modalità “atipico”. Sebbene questo volume di contratti risulti di poco inferiore ai 196.400 del trimestre precedente e sia fortemente influenzato da una stagionalità positiva legata al periodo natalizio e al turismo invernale, il rafforzamento della domanda di lavoro è innegabile sia dal punto di vista tendenziale, cioè rispetto allo stesso trimestre del 2014, che qualitativo. Nelle province di Bari e BAT, tra l'altro, l'incremento tendenziale dei contratti attivati nell'ultimo trimestre dell'anno dovrebbe attestarsi al di sopra della media nazionale di circa un punto percentuale.

I flussi di lavoratori in entrata previsti fanno infatti registrare un incremento medio del 10% - confermando la tendenza positiva già emersa nei trimestri precedenti - e fanno da cartina di tornasole sia per la ripresa del ciclo economico che per la progressiva entrata a regime della riforma del mercato del lavoro.

Sotto il profilo della qualità, la variazione tendenziale dei flussi deriva dall'effetto congiunto di un aumento del 14% delle assunzioni dirette di lavoratori dipendenti e di una stabilità dei contratti atipici, che a sua volta è determinata da una forte crescita dei contratti in somministrazione e degli incarichi a professionisti e da una netta flessione delle collaborazioni, tipologia in via di esaurimento dopo i recenti interventi normativi.

In linea con quanto avviene a livello nazionale, anche nelle province di Bari e Barletta, Andria e Trani è previsto negli ultimi tre mesi del 2015 un saldo occupazionale negativo, ma con tendenza al miglioramento pari a -2.580 unità: un netto miglioramento rispetto alle 3.400 unità in meno dello stesso periodo del 2014.

Notizie positive anche sul fronte della della Cassa Integrazione Guadagni (CIG). Gli ultimi dati disponibili, riferiti alla scorsa estate, gli interventi sono in diminuzione, pur persistendo una significativa eccedenza di lavoratori nelle imprese. Nel periodo giugno-agosto 2015, l'eccedenza di manodopera presente nelle imprese delle province di Bari e  BAT può essere stimata intorno a 3.900 occupati a tempo pieno, di cui 3.100 nell'industria e 800 nei servizi. Rispetto ad un anno prima (giugno-agosto 2014) tale eccedenza risulta in diminuzione sia nell'industria (-37%) che nei servizi (-41%). “Sono proprio questi ultimi - afferma Ambrosi - i segnali che fanno ben sperare. Disoccupazione e cassa integrazione in calo rispetto a un anno fa sono la vera iniezione di fiducia per famiglie e imprese”.

Nel dettaglio, tra le 2.870 assunzioni di lavoratori dipendenti stimate nel territorio delle province di Bari e Barletta, Andria e Trani, 1.770 saranno effettuate con contratto a tempo determinato (59% del totale). Di queste 770 unità (il 27%) saranno finalizzate a realizzare attività stagionali; 500 assunzioni serviranno per far fronte a picchi di attività (17%); 320 per valutare i candidati in vista di una successiva assunzione stabile (11%) e altre 100 circa per sostituire lavoratori temporaneamente assenti (4%). Le assunzioni a tempo indeterminato, a tutele crescenti o con un contratto di apprendistato saranno a loro volta pari a 1.090 unità, vale a dire il 38% del totale, con una crescita di 13 punti rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Altre forme contrattuali ammontano al 3% del totale previsto (10 unità).

Dal punto di vista settoriale, le assunzioni nel terziario dovrebbero riguardare soprattutto il commercio (590 unità, pari al 20% del totale), i servizi alle persone (360 unità e 13%) e le attività turistiche e della ristorazione (220 unità, 8%). Nell'industria, invece, prevale il comparto delle costruzioni, con 410 unità (14%). “Accanto ad attività di forte  tradizione - osserva Ambrosi - è innegabile l'affermazione nel sistema economico territoriale del settore turistico al quale sono in molti a credere, imprenditori e pubblici amministratori in primis”.


 - Bari Excelsior I 2015 - Bollettino

 - Bari Excelsior I 2015 - Tavole

 - Bari Excelsior II 2015 - Bollettino

 - Bari Excelsior II 2015 - Tavole

 - Bari Excelsior III 2015 - Bollettino

 - Bari Excelsior III 2015 - Tavole

 - Bari Excelsior IV 2015 - Bollettino

 - Bari Excelsior IV 2015 - Tavole

box_banner_sx
Benvenuta impresa Banner Starnet Forum Legalità Enterprise Europe Network
box_banner_dx
Logo
C.so Cavour n. 2 - 70121 BARI | Tel. 080.2174111 (Centralino) | Fax 080.2174228
Mail: segretario.generale@ba.camcom.it | PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it
P.Iva: 02517930729 | C.F.: 80000350720
separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_verticale_down separatore_orizzontale_down
Web Made in Italy
JCOM ITALIA: Web - Comunicazione - Marketing (Bari)