Logo

Il Suap del Comune di Bari diventa telematico

martedì 20 Ottobre 2020


Lo Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Bari diventa telematico e affida alla Camera di Commercio di Bari il servizio di "front office" e di gestione del procedimento, avvalendosi dei servizi informativi e operativi offerti dal portale nazionale "Impresainungiorno.gov.it".
 
Questa mattina il sindaco Antonio Decaro, alla presenza del presidente Alessandro Ambrosi e dell'assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, ha formalizzato la richiesta indirizzata all’ente camerale barese per l'adesione del Comune al servizio di gestione telematica dello Sportello unico per le attività produttive - SUAP attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it, la piattaforma che consente alle imprese di accedere a una serie di servizi informativi e operativi di natura amministrativa in maniera veloce e semplificata.

L'adesione, della durata di tre anni, è finalizzata ad assicurare un supporto qualificato nella gestione del procedimento telematico in favore delle attività economiche che hanno necessità di interfacciarsi con le pubbliche amministrazioni di ogni ordine e grado.

Lo Sportello opererà esclusivamente in via telematica, sia nei confronti delle imprese, che nelle relazioni con le altre PA coinvolte. Il supporto tecnico sarà garantito da InfoCamere (conservatore accreditato dall'Agenzia per l'Italia Digitale) che detiene l'infrastruttura tecnologica e le competenze tecniche necessarie per l'assistenza alle imprese.

Agli utenti, che si interfacceranno con il Comune di Bari, verrà data una risposta telematica unica e tempestiva - per conto degli altri Uffici comunali e di tutte le Amministrazioni Pubbliche comunque coinvolte nel procedimento, comprese quelle preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumità.

"Finalmente procediamo con questa convenzione, già adottata da altri Comuni italiani, che ci consente ad affidare alla Camera di Commercio la gestione tecnica dello Sportello unico per le attività produttive - ha dichiarato Antonio Decaro -. Un risultato importante per andare incontro alle esigenze di tante attività economiche della nostra città che non dovranno più fare il giro degli uffici per completare un qualsiasi iter burocratico. In questo modo tutte le procedure previste per il mondo delle imprese saranno centralizzate e, quindi, semplificate con un netto risparmio di tempo ed energie".

"Il sistema camerale è da sempre luogo di innovazione, pioniere della digitalizzazione, driver di sviluppo e vera priorità per l'ammodernamento del Sistema Paese - ha commentato Alessandro Ambrosi -. Un'amministrazione pubblica efficiente è il sogno di tutte le imprese e di tutti i cittadini. Oggi, con il Comune di Bari, completiamo un percorso di semplificazione avviato nel 2011 con la riforma degli Sportelli unici per le attività produttive nel quale Unioncamere, InfoCamere e le Camere di Commercio hanno fortemente investito per alleggerire gli oneri burocratici e garantire efficienza e imparzialità e trasparenza a tutti gli imprenditori, specialmente piccoli e medi, alle prese con le procedure legate allo svolgimento dell'attività. Grazie a questo accordo l'economia barese non potrà che avere positivi impulsi di sviluppo e di nascita di nuove imprese".

"A partire dai primi giorni del prossimo anno - ha concluso Carla Palone - sarà possibile per le attività commerciali e le imprese ottenere un supporto per sbrigare tutte le pratiche burocratiche e ricevere una risposta dalle pubbliche amministrazioni con un semplice click. Si tratta quindi di uno strumento concreto con cui snellire la procedura e, soprattutto, abbattere i tempi, visto che finalmente l'interlocutore sarà uno solo e l'unico titolato ad interfacciarsi con imprenditori e commercianti. Spesso la burocrazia, e i suoi tempi, possono determinare le sorti di un'attività economica: con questa convenzione firmata con la Camera di Commercio anche a Bari potremo offrire un servizio utile e rapido".

Il Suap è stato introdotto dal D.P.R. n. 160/2010 ed è il risultato del lavoro di coordinamento del Ministero dello Sviluppo Economico, Unioncamere ed ANCI e realizzato dal sistema camerale per il tramite del proprio gestore informatico nazionale, InfoCamere.
Risulteranno escluse dall'ambito di applicazione del SUAP, solo, le seguenti attività:
  • gli impianti e le infrastrutture energetiche;
  • le attività connesse all'impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive;
  • gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi,
  • le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi
  • le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi di preminente interesse nazionale (di cui agli articoli 161 e seguenti del D. Lgs.12 aprile 2006, n.163).